Archivio

Archivio Gennaio 2006

penne direzione urbino!

31 Gennaio 2006 Commenti chiusi


Penne di scena ad Urbino per la 21a giornata di campionato reduce dal
tour de force Tolentino-Celano-Val di Sangro che ha fruttato 4 punti
utili più che altro per rimanere ancorati alla zona play-off. Una
cinquantina in tutto i pennesi giunti ad Urbino in mezzo ad una nebbia
incredibile. La Neuro presente in una quindicina di unità ma gran tifo
per tutti i novanta minuti, tali da indurre il giornalista locale
collegato con Radio Delta 1 a complimentarsi. Penne ancora in
emergenza; fuori sempre Moro per infortunio, ma soprattutto Ciarrocca
e Cau squalificati, con capitan D’Addazio ancora non in perfette
condizioni per la frattura del setto nasale rimediata a Celano ed in
campo con la maschera protettiva. I tifosi locali sono quasi
inesistenti ed i biancorossi sembrano quasi giocare in casa; il
risultato finale sarà 1-1, Penne in vantaggio grazie a Parmigiani che
raccoglie con successo una palla schizzata sul palo dopo un calcio di
punizione di Contini, e pareggio dei locali proprio in chiusura di
primo tempo nel loro unico tiro in porta. Penne sotto tono rispetto
alle precedenti occasioni ma che nella ripresa avrebbe potuto comunque
vincere; fatto sta che arriva l’ennesimo pareggio esterno che
lascia comunque il Penne saldamente ancorato alla zona play-off,
recuperando anche un punto sulla Maceratese seconda. Domanica
trasferta a Montecchio, quindi Grottammare in casa e successivamente
delicatissima trasferta a Macerata; da queste partite potranno
scorgersi le reali ambizioni di questo Penne costretto ormai da 2-3
partite a questa parte, a dover rinunciare ai cardini della squadra.
Intanto domenica rientrano dalla squalifica Cau e Ciarrocca
permettendo a Contini di tornare nel suo ruolo naturale di attaccante.

Riferimenti: LA FELPA

grazie grigi!

26 Gennaio 2006 4 commenti


CITTA’ SANT’ANGELO-ALESSANDRIA SAVOSA
partito sabato 17 direzione piacenza affronto il viaggio come sempre scazzatissimo arrivato da i miei genitori fatti i saluti e una buona cena , via fuori serata con gli amici di un tempo ormai passato(peccato) bomba colossale e alle 3-30 a nanna sveglia alle 9 di domenica 18 e via in viaggio.sul passo penice ,la prima asperita’ la neve, stupenda, ma senza le catene, che rottura di palle ..arrivo alessandria ! Ore 11,30 circa GIUNgo AL PULMAN SALUTO TUTTI I RAGAZZI .il viaggio scorre piacevolmente fra un coro e un racconto ,Ottima l’accoglienza riservatami da tutti i ragazzi presenti sul pulman e allo stadio ..mi emoziono veramente quando un ragazzo di cui purtroppo ora mi sfugge il nome intona un coro che fa piu o meno così :CICCIO GOAL CICCIO GOAL CICCIO GOAL..be per un ultrasangolano sentire che si onora un proprio beniamino fa piacere il ciccio marescalco ,da noi e’ una leggenda, ma vedo con piacere che qui non lo hanno dimenticato..complimenti grigi..Arrivati all’autogrill, prima fermata ,troviamo l’altro pulman, peccato che ci sia pure l’uomo in blu che sorride e se ne va, venite che vi aspettiamo sembra dire.,bene e così sarà.. refrigerio qualche battuta e via direzione vado ligure si perchè e li che si giocherà ..arrivati allo stadio capiamo subito perchè rideva l’uomo in blu..ci aspettavano con i manganelli e vai mazzate a destra e a manca senza che noi li avessimo provocati,un ragazzo rimane a terra per minuti,molti altri han avuto contusioni ..Complimenti veramente a tutti i pulotti presenti e loro sarebbero quelli che ci dovrebbero proteggere ,be io preferisco proteggermi solo..
entrati al campetto ,perchè certamente non si puo chiamare stadio, i grigi trasformano questa isola silenziosa e senza niente di cui essere orgogliosi, in una bolgia . 200 tifosi tutti da ammirare ne voglio citare uno su tutti, un signore dai capelli grigi ,che i 60 li ha passati da tempo con giacca che indossa con classe ma un vero ultras complimenti..dal primo al 90° e oltra e’ un incitamento costante cori bellissimi che rispecchiano l’amore che questi stupendi ragazzacci hanno verso i colori della maglia e l’amata alessandria..la partita va come va la squadra non merita questi ultra’ e l’1-1 lascia l’amaro in bocca ..i savonesi be di quelli preferisco non parlare protetti dagli uomini in blu una vera vergogna solo capaci di lanciare pietre e nasacondersi..la vera vergogna succede all’uscita ,ancora i blu che ci aspettano in assetto di guerra e lasciano che i signorini 4 sfigati savonesi con alcuni vogheresi ci lancino pietre e facciano gli sbruffoni..allora io da esterno mi domando e dico ,non sapendo nulla scomettiamo che di questi al mocca non ci va nessuno? e pare che indovino sentendo i commenti dei grigi…viaggio di ritorno sempre ritmo e chiacchero parecchio con i ragazzi la giornata scorre piacevole poi arrivati ad alessandria saluto tutti ringrazio lo zio e vado alla sede devo portare due sciarpe perche’ se no non posso tornare a casa ..e via dritto direzione val trebbia ..la mattina successiva mi alzo e ecco alle 14 sono di nuovo a casa citta’ sant’angelo il regno angolano.saluti ultrasgrigi grazie di tutto

QUESTO ARTICO E’ STATO PUBBLICATO SULLA FANZINE DEGLI ULTRAS GRIGI ALESSANDRIA

GRAZIE VERAMENTE!
Riferimenti: NELLA FOTO UN ULTRA’ SAVONESE

ULTRAS

26 Gennaio 2006 Commenti chiusi


Molti parlano di Ultras, ma sono veramente poche le persone ke sanno!
Per molta gente essere un ULTRAS significa essere un delinquente,basta vedere come recentemente i tg hanno riferito la notizia degli scontri dei Catanesi a Parma dedinendoli tutti delinquenti e non meritevoli di potere assistere alla partita della squadra del cuore, ma questi sono i giornalisti,,,BRUTTA RAZZA!
Essere ultras non significa solo scontri,anche scontri ma non solo.
Un ultras mette prima il gruppo a cui appartiene e poi la squadra,se si decide di fare una protesta, di tenere la curva vuota per qualche motivo bisogna farlo!
E non iniziare a criticare il direttivo,non sapendo nulla, essere ultras è difficile.
Non basta andare in curva per essere un ULTRAS questa è una cosafondamentale, in curva ci viene anche gente che quando vengono alzati i bandieroni dice di abbassarli perche non vede la partita, e questo è inaccettabile!
Ora come ora molte curve vivono un brutto momento,come la nostra causa diffide insensate e altre cause, ed è proprio in questo momento che si deve essere compatti e uniti da ULTRAS!
Quindi quando si accendono le torce e si alzano i bandieroni bisogna cantare ancora piu forte, perche molti ci vogliono eliminare ma noi siamo più forti.
AVANTI ULTRAS! ! !

Riferimenti: liberta per gli ultra’