Archivio

Archivio Maggio 2008

ultras almeno per un giorno…by PENNE…NEURO=CONIGLIO!!!

8 Maggio 2008 Commenti chiusi

caro piacentino, io sono 1 ragazzo di penne ke prima scriveva sul muro di forzapenne.it con il nick di PRISCIANDARO. ti ricorderai di me, anke se adesso ho abbandonato quel sito. innanzitutto complimenti per questo blog ke da voce nn al calcio, ma alle esperienze di tifo ke vivono i diretti interessati, ovvero tutti quei ragazzi ke la domenica pagano il biglietto per fare 1 po di casino.
 
io nn sono ultrà per avrei 1 esperienza ultrà da raccontare. i miei amici hanno sempre da ridire su di me ke nn seguo il penne con passione e nn vado a vedere tutte le partite, purtroppo i miei interessi sono altri, però ho sempre seguito le partite "calde", dove cè 1 confronto di tifo ke mi appassiona, come i derby degli altri anni col loreto, le partite contro l’atessa e soprattutto le partite contro i nuovi rivali dell’ANGOLANA. ecco ke quindi 1 domenica prima di natale mi reco allo stadio a vedere il penne contro i nerazzurri, e come mio solito mi metto vicino alla neuro ma stavolta, a differenza delle altre, comincio saltuariamente a partecipare anke al tifo. strano, nn lo faccio mai! anke perkè a me nn piace cantare allo stadio, nn ho nè sciarpette nè bandiere nè niente.
 
appena ricominciato il secondo tempo, noto dei miei amici ke complottano tra di loro e si parlano all’orekkio: io curiosissimo mi avvicino e sento ke ci sono 3-4 tifosi angolani, nell’entrata dall’altra parte dello stadio, ke stanno insidiando dei ragazzini ke passavano di lì, e quindi volevano andare a dar loro il ben servito.
 
incuriosito da questa ghiotta occasione di vedere finalmente 1 po di azione allo stadio, e nn il solito tifo ke sinceramente a me nn dice più di tanto, mi aggiungo al gruppetto ke va dall’altra parte per scontrarsi con i nemici, convinto di potermi vedere degli scontri. risultato? nn solo vedo, ma partecipo anke!
 
arrivo 1 po più tardi rispetto agli altri partiti per primi, e da lontano vedo sulla strada 1 miskia enorme con tantissimi tifosi nerazzurri ke sono usciti dopo la sassaiola dei "neuroni" arrivati. gli angolani escono a iosa, saranno almeno 1 cinquantina, e i poki pennesi superstiti, anke se in casa loro, accusano la minoranza numerica. molti di loro vengono colpiti con le stesse pietre ke hanno lanciato prima, mentre la maggiorparte, 1 po per l’inferiorità numerica, 1 po per l’arrivo degli sbirri, scappa. quando arrivo io molti degli angolani già erano tornati dentro dopo i primi scontri, ne erano rimasti alcuni a scontrarsi con gli ultimi pennesi rimasti ormai in netta ritirata.
 
io, ke ero andato lì con il semplice intento di vedere, rimango coinvolto: vedo gli ultimi supporters biancorossi ke se ne vanno a gambe levate, e dall’altra parte sento gli angolani gridare: "pennesi conigli! conigli!". oramai ero rimasto solo io, 1 altro pennese, e 1 altro in lontananza ke ci stava osservando. io rikiamo tutti i pennesi dicendo di aspettare, tornare indietro e caricare gli angolani visto ke ci stavano apostrofando come conigli; tentativo inutile. i nerazzurri continuano a insultare allorkè io, ferito nell’orgoglio di veder soccombere il nome della mia città, mi giro e da solo vado da questa decina di angolani dicendo se ce l’avevano con me, e ke se nn la smettevano, gli avrei APERTO LA FACCIA.
 
neanke lo vedo ma a questo punto arriva 1 vekkio angolano, tipo di 50 anni, ke senza ke io lo veda mi viene di lato e mi tira 1 colpo in faccia e mi fa cadere, dicendomi: "a ki la apri la faccia tu, pennese di merda". a quel punto arrivano gli altri angolani e mentre sono a terra mi tirano dei calci. io, senza pensarci due volte, inizio a rialzarmi e mentre mi rialzo comincio a tempestare la faccia dell’anziano tifoso angolano di pugni tanto da gonfiargliela, e dico: "a te la gonfio la faccia, pezzo di merda!"
 
continuo a tirare pugni mentre gli altri smettono di tirarmi calci, dopo 1 secondo capisco il perkè, erano arrivati degli sbirri a separarci, mi avevano preso e insieme all’altro pennese rimasto ci hanno fermati, filmandoci e rikiedendoci i documenti.
 
dopodikè ci hanno portato in caserma con 1 volante, il tutto mentre la partita era ancora in atto…..io, in caserma io, ke mai avevo fatto il tifo, ke avevo sempre preso le distanze dagli ultras, ora ero il peggiore degli ultras, il peggiore degli attaccabrighe da stadio, ke stava lì in caserma insieme a 1 altro pennese ke aveva dato false generalità agli sbirri e ora passava guai seri, guai ke per me nn c’erano perkè gli sbirri, dopo 1 ora di attesa, mi hanno fatto andare via senza problemi.
 
ora ankio ho 1 esperienza ultras da raccontare, in quella domenica in cui mi ritrovai hooligan per caso, da solo, a fare a botte con diversi angolani per difendere il buon nome della mia città, penne. io, ke mai avevo fatto parte della neuro.