Archivio

Archivio Dicembre 2008

Atalanta-Juve: Scontri prima della gara

22 Dicembre 2008 Commenti chiusi

ATALANTA JUVE, SCONTRI TRA TIFOSI

22 Dicembre 2008 Commenti chiusi

Hanno lasciato lo stadio comunale di Bergamo intorno alle 18.30 i dieci pullman carichi di tifosi bianconeri che oggi pomeriggio hanno assistito alla partita Atalanta-Juventus. Dopo i tafferugli che hanno preceduto la gara, anche dopo la partita ci sono stati attimi di tensione nei pressi dello stadio. Intorno alle 17.30, circa 500 ultras nerazzurri, in attesa dei tifosi juventini, hanno lanciato alcuni petardi all’indirizzo delle forze dell’ordine. I sostenitori bianconeri arrivati a Bergamo in auto e in treno sono stati fatti uscire a scaglioni dall’impianto sportivo, mentre i pullman sono stati scortati dalla polizia fino a destinazione. Nel pomeriggio un tifoso atalantino, B.F., 30 anni di Bergamo, è stato arrestato dopo la sassaiola contro la polizia avvenuta intorno alle 13 nei pressi della zona di ‘prefiltraggiò dello stadio. Il giovane dovrà rispondere di lesioni, resistenza e lancio di oggetti, così come previsto dalla normativa per la sicurezza negli stadi. Due agenti sono rimasti contusi: dopo essere stati medicati, i medici li hanno dimessi con prognosi di otto e dieci giorni. Due mezzi delle forze dell’ordine e cinque autobus sono stati danneggiati dal lancio di sassi prima e dopo la partita.

Prosegui la lettura…

Atalanta-Juve, scontri tifosi: un arresto

22 Dicembre 2008 Commenti chiusi

Dopo i tafferugli che hanno preceduto la gara, anche dopo la partita ci sono stati attimi di tensione nei pressi dello stadio

Prosegui la lettura…

Atalanta-Juve: tafferugli

22 Dicembre 2008 Commenti chiusi

articolo 21

10 Dicembre 2008 Commenti chiusi

fotografando scontri

10 Dicembre 2008 Commenti chiusi

GLI EROI DI CATANZARO

9 Dicembre 2008 Commenti chiusi

Oggi si è disputato il derby Cosenza – Catanzaro, trasferta vietata dal Cams per i tifosi giallorossi.
Tra primo e secondo tempo, però, tre deltaplani sorvolano lo stadio San Vito: sono i tifosi del Catanzaro, che portano uno striscione, poi lasciato cadere nello stadio, con su scritto "Le Aquile vi sovrastano sempre". (L’Aquila è il simbolo della città e della squadra di Catanzaro).
Lasciati cadere poi dei volantini, a firma UC 1973, contro le decisioni di vietare le trasferte e in solidarietà ai diffidati d’Italia.

questo il testo del volantino:

IL CALCIO E’ PURA PASSIONE POPOLARE,
E I DERBY RAPPRESENTANO IL CULMINE DI TALE SENTIMENTO.
PURTROPPO, INIQUI DECRETI E ANTICOSTITUZIONALI DIVIETI IMPEDISCONO ALLE TIFOSERIE
DI CONFRONTARSI ONOREVOLMENTE E DI SOSTENERE I PROPRI COLORI.
TALE GESTO VUOLE GOLIARDICAMENTE DIMOSTRARE CHE NON C’E’ DIVIETO CHE POSSA IMPEDIRE ALLA PASSIONE DI VOLARE.

PER TUTTI I DIFFIDATI D’ITALIA E PER TUTTI GLI ASSENTI FORZATI.

UC73

purtroppo per i 3 è scattato l’arresto:

Pare che purtroppo, secondo le prime notizie che arrivano dalla città bruzia, i tre siano stati tratti in arresto dalle forze dell’ordine, con l’accusa probabile di turbativa di ordine pubblico. Da verificare poi se la norma che vieta il sorvolo di zone affollate sia da ritenersi valida anche per i superleggeri, i mezzi utilizzati dai tre moschettieri dell’aria catanzaresi Intervenuti al momento del loro atterraggio nei pressi del quartiere fieristico di Cosenza, Digos e Carabinieri hanno dovuto sottrarre due dei tre giovani catanzaresi dalla furia di un gruppo di tifosi cosentini. I tre sono G.P., 40 anni, D.A., 38 anni, e S.A., 28 anni.

———–

Onore a loro e in culo a Maronimerda e tutto il suo Osservatorio di stigrancazzi.

Prosegui la lettura…

VOLANTINO LANCIATO ULLO STADIO DI COSENZA DAI TRE ULTRAS VOLANTI

9 Dicembre 2008 Commenti chiusi

Dal volantino lanciato sul san vito:

IL CALCIO E’ PURA PASSIONE POPOLARE,
E I DERBY RAPPRESENTANO IL CULMINE DI TALE SENTIMENTO.
PURTROPPO, INIQUI DECRETI E ANTICOSTITUZIONALI DIVIETI IMPEDISCONO ALLE TIFOSERIE
DI CONFRONTARSI ONOREVOLMENTE E DI SOSTENERE I PROPRI COLORI.
TALE GESTO VUOLE GOLIARDICAMENTE DIMOSTRARE CHE NON C’E’ DIVIETO CHE POSSA IMPEDIRE ALLA PASSIONE DI VOLARE.

PER TUTTI I DIFFIDATI D’ITALIA E PER TUTTI GLI ASSENTI FORZATI.

UC73

Tratti in arresto i tre che hanno sorvolato il “San Vito”

9 Dicembre 2008 Commenti chiusi

Si aggrava la posizione dei tre tifosi giallorossi resisi protagonisti del più eclatante e goliardico gesto che una tifoseria abbia mai messo in piedi… Sono ancora in Questura i tre tifosi catanzaresi che questo pomeriggio, tra il primo e il secondo tempo, hanno sorvolato con tre deltaplani a motore lo stadio San Vito di Cosenza, mentre si disputava la partita Cosenza-Catanzaro, poi finita 0-0. Pare che purtroppo, secondo le prime notizie che arrivano dalla città bruzia, i tre siano stati tratti in arresto dalle forze dell’ordine, con l’accusa probabile di turbativa di ordine pubblico. Da verificare poi se la norma che vieta il sorvolo di zone affollate sia da ritenersi valida anche per i superleggeri, i mezzi utilizzati dai tre moschettieri dell’aria catanzaresi Intervenuti al momento del loro atterraggio nei pressi del quartiere fieristico di Cosenza, Digos e Carabinieri hanno dovuto sottrarre due dei tre giovani catanzaresi dalla furia di un gruppo di tifosi cosentini. I tre sono G.P., 40 anni, D.A., 38 anni, e S.A., 28 anni. Secondo quanto dichiarato agli agenti, i tre avevano solo intenzione di gettare dei volantini, cosa che hanno fatto. Ma uno di loro ha perso anche una grande sciarpa giallorossa, utilizzata come striscione e trainata in volo. La sciarpa, cadendo sugli spalti, ha notevolmente irritato i tifosi cosentini. Sulla sciarpa, la scritta "Le aquile vi sovrastano sempre". Sui volantini, di colore rosso, una lunga invettiva contro la decisione di non ospitare i tifosi catanzaresi nello stadio. "Il calcio è pura passione popolare e i derby rappresentano il culmine di tale sentimento", c’è scritto sui volantini. "Purtroppo iniqui decreti e anticostituzionali divieti impediscono alle tifoserie di confrontarsi onorevolmente e di sostenere i propri colori. Tale gesto vuole goliardicamente dimostrare che non c’e’ divieto che possa impedire alla passione di volare. Per tutti i diffidati d’Italia e per tutti gli assenti forzati", conclude la nota sul volantino, firmata "Ultras Catanzaro 1973". In Questura sarebbe finito anche il fotografo cosentino che ha raccolto la striscione lanciato da uno degli ultraleggeri: anche per lui, le prime notizie che filtrano, parlano di stato di arresto.

3 ultras catanzaresi “diffdati”sorvolano lo stadio con il deltaplano

9 Dicembre 2008 Commenti chiusi

Si sta il derby Cosenza – Catanzaro, trasferta vietata dal Cams per i tifosi giallorossi.
Tra primo e secondo tempo, però, tre deltaplani sorvolano lo stadio San Vito: sono i tifosi del Catanzaro, che portano uno striscione, poi lasciato cadere nello stadio, con su scritto "Le Aquile vi sovrastano sempre". (L’Aquila è il simbolo della città e della squadra di Catanzaro).
Lasciati cadere poi dei volantini, a firma UC 1973, contro le decisioni di vietare le trasferte e in solidarietà ai diffidati d’Italia.
Grandissimo gesto, complimenti alla tifoseria Catanzarese, peccato che i tre protagonisti siano stati, addirittura, tratti in arresto.